Diversità di genere - la nuova frontiera per le aziende e per l'Italia, 15 marzo 2021

Il nostro Paese sta sperimentando un tasso di occupazione complessivo inferiore rispetto a quello dei nostri partner europei e di altri Paesi avanzati, ma se ci si concentra sul tasso di occupazione femminile si scopre che abbiamo il tasso più basso in Europa dopo la Grecia. Con un tasso di occupazione maschile del 68% e femminile del 50,1%, il gap occupazionale in Italia raggiunge nel 2019 quota 17,9. 

Un più alto tasso di occupazione potrebbe far crescere il prodotto italiano. Da anni, infatti, si concorda sulla necessità di far aumentare la percentuale di popolazione (in età da lavoro) effettivamente attiva, ma il divario che ci divide dagli altri paesi è legato in modo significativo alla minore quota di donne lavoratrici. Non solo le donne sono escluse dal lavoro ma, in Italia, vi è anche un serio problema di divario di genere nelle retribuzioni, presente anche in altri paesi ma da noi particolarmente rilevante.

Proprio la "Diversità di genere" è il tema centrale dell’ottavo Quaderno di Approfondimento, pubblicato oggi dal Centro Studi di Fondazione Ergo. Un argomento fondamentale per la crescita e lo sviluppo economico, sociale e civile dell’Italia

   x

#laformazionenonsiferma

Da oggi, sono aperte le iscrizioni ai corsi pubblici del primo semestre del 2021!

Scopri di più