Bollettino Statistico Produttività del lavoro N.2/2019

Produttività del lavoro 2018, Italia stabile. PIL e occupati aumentati di +0,9% e +0,8%

La produttività in Italia: il Nord-Est registra un aumento di +1,4%, sensibilmente superiore alla media nazionale; Industrie del legno, Automotive e Tessile tra i settori più performanti; il Farmaceutico registra la migliore performance nel periodo 2004-2016.

Nel periodo 2004-2018,l’indice della produttività del lavoro, espressa come valore aggiunto per ora lavorata con anno di riferimento il 2010 (100), mostra come l’Italia sia sostanzialmente rimasta ferma nell’arco di 15 anni, passando da 100,3 nel 2004 a 102,7 nel 2018 – anno in cui la produttività del lavoro dell’intera economia decresce dello 0,2% rispetto al 2017 (in contrasto con il +0,8% rispetto al 2016).

Dall’analisi dei dati contenuti nel Bollettino Statistico di Fondazione Ergo emerge che:

Nel 2018, rispetto al 2017, si evincono segnali di ripresa: il Pil è aumentato dello 0,9%, le ore lavorate aumentano dell’1,1% e gli occupati salgono dello 0,8%. Nel Nord-ovest e nel Nord-est d’Italia, la crescita è trainata dall’Agricoltura(rispettivamente +1,6% e +3,6%), settore che regi­stra un aumento (+4,7%) anche nel Centro, mentre nel Mezzogiornosono le Costruzionia registrare la migliore performance con una crescita del +4,1;

Nel periodo 2004-2016, la migliore performance nel manifatturiero è registrata dal Farmaceutico, comparto che, in termini di numero indice (2010=100), cresce di 42 punti, passando da 78,5 nel 2004 a 120,2 nel 2016;

Le migliori performance di crescita nel 2016rispetto al 2015 sono raggiunte dai settori Industria del legno, della carta, editoria (+30 punti, da 92,4 a 122,9), Automotive (+28, da 94,2 a 122,4), Industrie tessili (+27, da 83,4 a 110,6) e Metallurgico (+21, da 94, 8 del 2004 a 115,5). 

Per quanto riguarda il contesto internazionale, la crescita media annua della produttività del lavoro risul­ta positiva per Francia (+1,4%), Giappone (+0,5%), Regno Unito (+0,5%) e Grecia (+0,2%), mentre si registra una de­crescita per la Spagna (-0,2%). La media europea si atte­sta a +0,7%.

Infine, a fronte di una decrescita complessiva dell’Unione Europea di 0,1% nel primo trimestre 2019, è prevista, per il 2020, una crescita della produttività dello 0,7% (al primo posto, la Francia, con una previ­sione di +0,7%, al penultimo l’Italia, con 0,3%), contro la media Ocse dell’1%.

   x

#laformazionenonsiferma 

Inizia a sviluppare le tue competenze con il corso MTM-1 Base, disponibile anche in E-Learning in italiano!

Scopri di più